fbpx

I tuoi contenuti hanno scarso rendimento? Forse è per questo

Se hai anche un po’ di familiarità con il SEO, probabilmente hai sentito la massima “il contenuto è la parte più importante”.

Anche se non discuterò quell’argomento esatto oggi, l’affermazione non ha tutti i torti.

Supponiamo di aver fatto le tue ricerche di mercato, di aver individuato le pagine ad alto traffico che stai cercando di ottimizzare e di aver scritto i tuoi contenuti killer infusi di parole chiave.

Quindi lo pubblichi sul tuo sito e ti siedi e aspetti.

Ma passano i mesi e quelle pagine non si indicizzano ancora bene .

In effetti, non c’è quasi alcun cambiamento nelle posizioni e le vendite sono rimaste piatte.

Ti suona familiare vero?

Hai fatto tutto ciò che eri sicuro di dover fare, ma per qualche ragione, non ha funzionato.

Ovviamente, questa sarà una situazione frustrante per te. Ma non tutto è necessariamente perso, e quel contenuto su cui hai schiavizzato non è necessario che sia stato creato invano.

In questo post, esamineremo alcuni probabili motivi per cui i motori di ricerca non reagiscono bene ai tuoi contenuti.

Di cosa stai scrivendo?

Gli algoritmi dei motori di ricerca prendono in considerazione centinaia di fattori di classificazione quando “scelgono” dove posizionare la tua pagina web.

Questi vanno dal profilo del tuo collegamento alla velocità della tua pagina.

Ma prima di affrontare qualsiasi altra cosa, ti consiglio di esaminare gli argomenti dei tuoi contenuti, chiari e semplici.

  • Su cosa stai scrivendo?
  • Risponde alle domande degli utenti che hai cercato (ad esempio, nello strumento di ricerca degli argomenti che hai dedotto dai dati di Google Analytics)?
  • Sarà utile per un vasto pubblico o si rivolge ad una nicchia precisa?

Queste sono domande relative alla pertinenza dei contenuti .

I tuoi contenuti devono avere diverse qualità per essere considerati rilevanti dai motori di ricerca. Deve essere originale, autorevole e direttamente correlato alla pagina Web in cui verrà pubblicato.

I motori di ricerca sanno che gli utenti non hanno interesse a leggere contenuti duplicati, plagiati o irrilevanti. Pertanto, dovresti studiare le SERP di Google per trovare tali contenuti.

Fai le tue ricerche in anticipo in modo da poter scrivere contenuti brillanti che tu stesso vorresti leggere se avessi cercato un argomento online.

Non abbiate paura di andare a lungo, neanche. Più fai per rendere i tuoi contenuti intelligenti, originali e affidabili, migliore sarà.

Tutto ciò farà molto per far sì che le tue pagine scalino quelle SERP.

Quali parole chiave stai usando?

La questione delle parole chiave nei tuoi contenuti apre una sorta di rete di argomenti secondari.

Sai già che le parole chiave hanno il loro posto all’interno di tutti i contenuti SEO scritti, ma dove vai da lì?

Bene, forse devi controllare il tipo di ricerca di parole chiave che stai facendo.

Devi attaccare le parole chiave con alti volumi di ricerca, ma, come avrai notato, può essere piuttosto impegnativo cercare di classificare parole chiave come “negozio di attrezzi da giardino” o “avvocato divorzista a Forlì”.

Pensi che le tue pagine web attireranno un numero maggiore di potenziali acquirenti con “crema mani” oppure con  “crema mani idratante al burro di karitè”?

Quest’ultima è una parola chiave a coda lunga che è più probabile che converta per la tua attività perché è altamente specifica e molto probabilmente rappresenta una fase successiva di un ciclo di acquisto dei clienti.

Le persone che usano quel termine di ricerca hanno maggiori probabilità di essere pronte per effettuare un acquisto, perchè probabilmente cercano o almeno sanno, cos’è il burro di karitè e cioè sono ad uno step successivo rispetto a chi cerca semplicemente una crema mani.

Fai la tua ricerca sulle parole chiave a coda lunga giuste per la tua attività. Puoi farlo semplicemente vedendo cosa popolano i motori di ricerca quando cerchi una o due parole.

Dai un’occhiata a queste frasi chiave negli strumenti (ad es. Keyword Planner di Google) per vedere come si comportano nel settore. Quindi sfruttali per attirare quegli utenti con contenuti pertinenti ottimizzati per quelle parole chiave.

Inoltre, proprio come i contenuti possono invecchiare e diventare bisognosi di aggiornamento, così anche le parole chiave. Non pensare mai a nulla nel SEO come sempreverde.

Rimani aggiornato sulla ricerca di parole chiave in modo da poter sempre mantenere i tuoi contenuti ottimizzati e pertinenti.

Aggiorna, aggiorna, aggiorna sempre

Ormai, potresti notare un tema comune in tutti questi punti: la pertinenza governa le tue classifiche.

Abbiamo parlato di come i contenuti pertinenti, con nuove parole chiave, contribuiranno notevolmente a garantire che gli utenti trovino effettivamente il tuo sito Web.

E allo stesso modo in cui i contenuti o le parole chiave rilevanti alcuni mesi fa possono sfuggire rapidamente ai motori di ricerca, il tuo stesso sito Web può anche iniziare a scendere di prestazione se non aggiorni regolarmente i tuoi contenuti.

I motori di ricerca si preoccupano di stare al passo con tutti gli altri in termini di produzione di contenuti pertinenti, autorevoli e ottimizzati.

Se non hai sottoposto a audit significativi i tuoi contenuti web per più di qualche mese, è tempo di impegnarti a fare esattamente questo.

Dai un’occhiata alle parole chiave utilizzate dai tuoi contenuti e aggiorna dove necessario.

Cerca da solo le tue parole chiave e analizza alcuni dei tuoi concorrenti.

  • Quanti di loro non c’erano quando hai creato il tuo sito web e hai fatto la ricerca iniziale delle parole chiave?
  • In che modo la presenza di un nuovo forte concorrente può influire sulle tue classifiche, soprattutto se il tuo settore è focalizzato su un prodotto o servizio di nicchia?

Pongo queste domande per aiutarti a pensare a come aggiornare i tuoi contenuti in loco su base regolare.

Se il tuo sito Web non ne ha già uno, è anche un’ottima idea avviare un blog aziendale e pubblicarlo su un programma.

Come puoi immaginare, più o meno rispettare le scadenze di quel programma pubblicando nuovi post sul blog dirà ai motori di ricerca che le tue pagine sono aggiornate e pertinenti. Dopodiché, sai il resto.

 

Non hai link efficaci 

I backlink contano ancora, tantissimo.

Prova a pensare alle tue pagine web dal punto di vista di Google.

Se Google vede che i tuoi contenuti sono forti, le tue parole chiave sono aggiornate, ti aggiorni regolarmente, ma il tuo sito non ha link in entrata, perché dovrebbe classificarti in cima?

Per quanto ne sa Google, stai facendo qualcosa che impedisce ad altri siti di voler collegarti a te. Google, di conseguenza, vuole tenerti fuori dalle sue prime classifiche.

Se è più semplice, pensa semplicemente ai collegamenti dalla prospettiva di un utente.

Trovare il tuo sito tramite un link da un blog dice agli utenti che il blog si fida del tuo sito, che il tuo sito è abbastanza rilevante da essere collegato da una terza parte con la propria reputazione da proteggere.

I nostri ipotetici utenti fanno quindi clic su quel link e scoprono il tuo sito, con i suoi contenuti freschi, pertinenti e ottimizzati pronti a rispondere alle loro domande e persino a indirizzarli verso altri siti utili con i propri link.

I collegamenti consentono agli utenti di fluire da un sito all’altro, ma, cosa più importante, rendono il tuo sito affidabile.

L’analisi dei collegamenti competitivi inizia con la valutazione di chi si collega alla concorrenza.

Esaminare il motivo per cui i domini di riferimento potrebbero aver concordato di collegarsi a tali concorrenti.

  • Che tipo di domini sono?
  • Cosa li unisce?
  • Chi sono i loro utenti?
  • In che modo i profili di collegamento dei tuoi concorrenti differiscono dai tuoi?
  • Inoltre, cosa stanno facendo i tuoi concorrenti che non stai facendo per guadagnare quei link?

Quando scoprirai le risposte a queste domande, saprai cosa devi fare e chi devi scegliere per creare i tuoi collegamenti.

Il tuo lavoro diventa quindi impegnativo per quei domini di riferimento che si collegano al tuo sito Web, attraverso un contenuto ottimizzato di contenuti esistenti o attraverso nuovi contenuti creati appositamente per questo scopo.

No, non è facile, ma pensa all’autorità fornita con un robusto profilo di backlink.

Per riassumere

Ora, nel mezzo del pensare a tutto quello che ti ho presentato, non dimenticare che un certo numero di problemi tecnici SEO potrebbe anche influenzare le tue classifiche.

Velocità mobile, tempo di caricamento della pagina e problemi possono allontanare gli utenti dal tuo sito.

E ricorda: quando i tuoi contenuti, parole chiave, pagine web e profilo di backlink sono aggiornati e rispondono alle preoccupazioni degli utenti, il tuo SEO sarà molto più avanti rispetto ai tuoi concorrenti.

Francesca Magnani appassionata di commercio online collabora con ComCart fin dalla sua creazione.

Data la sua esperienza nella gestione di piattaforme ecommerce e marketplace offre la sua consulenza nella creazione di contenuti e nella gestione dei negozi.

REALIZZA IL TUO E-COMMERCE E VENDI ONLINE

Ricevi aggiornamenti e novità con la nostra newsletter!

Lascia un commento