fbpx

Come organizzare le categorie del tuo negozio per vendere di più

Attento a non lasciare il tuo negozio online in disordine

Pensa al seguente scenario: sei entusiasta di acquistare un nuovo divano per il tuo salotto e qualcuno ti ha indicato un negozio virtuale che ha prodotti di grande qualità ad un ottimo prezzo.

Vai sul sito, e ti accorgi che il negozio vende vari tipi di mobili. Il problema è che non riesci a trovare la sezione divani in quanto non ci sono categorie nel menu o sono confuse e disorganizzate. Se ti sei imbattuto in questa situazione, continueresti a insistere sul sito, anche se ti èstato consigliato? Molto probabilmente no.

Secondo SumAll, il consumatore impiega 30-45 secondi per decidere se rimanere o meno in un negozio per effettuare un acquisto. E questo tempo parte dal momento in cui entra nel negozio fino a quando non raggiunge la pagina del prodotto e legge tutte le informazioni. Fai un test: entro 45 secondi il consumatore sarà in grado di trovare prodotti all’interno del tuo e-commerce e finalizzare l’acquisto?

Se la risposta è no, probabilmente il tuo negozio è disorganizzato e devi sistemarlo abbastanza velocemente. Dopo tutto, è inutile avere una miriade di prodotti incredibili se il consumatore non riesce a trovarli rapidamente e semplicemente.

Uno degli atteggiamenti per risolvere questo problema è organizzare la merce in categorie. Questa è una pratica ampiamente utilizzata dai grandi operatori del mercato, soprattutto quando il volume degli articoli è ampio e diversificato.

In questi casi è possibile creare categorie come “elettrodomestici”, “elettronica”, “accessori” e “cibo” per aiutare il consumatore a navigare nel sito, trovare ciò di cui ha bisogno più velocemente e infine effettuare l’acquisto. Ma anche tu puoi anche adottare questa pratica nel tuo negozio virtuale. Vediamo come.

Studia i tuoi prodotti e crea metodi di divisione

All’inizio può sembrare complicato classificare i tuoi prodotti, soprattutto se il tuo mix è ampio e stagionale, ma se studi i prodotti, troverai sicuramente un modo per separarli.

All’inizio, l’ideale è creare gruppi più generali e ridurre la scelta fino a quando non è molto specifica. Ad esempio, se hai un negozio di abbigliamento, potrebbe essere una buona idea cominciare creando categorie di abiti da uomo e da donna. Quindi, all’interno dell’universo dell’abbigliamento femminile, puoi avere categorie come “abiti”, “camicette”, “cappotti”, “gonne”, “pantaloni” e così via. E puoi andare oltre: la categoria “abiti”, ad esempio, può contenere “abiti lunghi”, “abiti corti”, “abiti da festa” e così via.

In questo modo, garantisci che il consumatore che desidera acquistare un abito da sposa sa esattamente in che direzione andare a trovare ciò che sta cercando nel tuo negozio .

Naturalmente, ci sono diversi modi per creare categorie basate sulla divisione dei prodotti. Puoi prendere in considerazione marchi, modelli, colori, materiali, usabilità e altro.

Se la tua attività è una gioielleria, puoi creare categorie come “oro giallo”, “argento” e “oro bianco”, ad esempio. Se hai una libreria, le categorie possono riflettere generi come “narrativa”, “romanzi”, “gialli”, ecc.

L’importante è studiare e capire i tuoi prodotti, quindi creare le categorie che abbiano senso per te e per il consumatore.

Con un atteggiamento semplice come questo, sarai in grado di creare diverse categorie, aggiungere merce e aiutare il pubblico a navigare più tranquillamente nel tuo e-commerce !

Leandro De Aguiar è Founder di ComCart, lavora con e-commerce dal 1998, ha portato grandi e piccole realtà online.

Startuper con grande esperienze, guida ComCart nelle scelte strategiche di tecnologia e business development.

REALIZZA IL TUO E-COMMERCE E VENDI ONLINE

Lascia un commento