fbpx

5 suggerimenti per impedire le frodi nel tuo negozio online

Ecco come evitare il temuto chargeback.

Sfortunatamente, non è raro ascoltare storie di persone che hanno avuto le loro carte clonate, rubate o situazioni in cui i prodotti sono stati acquistati a loro nome senza il loro consenso.

Nella maggior parte di queste situazioni, la società responsabile blocca quasi immediatamente la carta di credito, impedendo che vengano fatti nuovi acquisti e accreditando i valori alla persona frodata. Ma il negoziante spesso saprà che l’acquisto è stato cancellato solo molto tempo dopo!

Un recente studio di Konduto, una soluzione anti-frode per e-commerce, ha rivelato che chi vende su internet può impiegare fino a 180 giorni, ovvero quasi 6 mesi, per scoprire che l’acquisto è stato fraudolento.

Poiché la maggior parte dei beni e dei servizi viene consegnata molto prima di questa scadenza, ne consegue che il frodatore ha già ricevuto la merce prima che il negoziante scopra cosa è successo.

I numeri di Konduto indicano che lo 0,05% dei chargeback viene ricevuto entro 5 giorni, il 6,26% in 10 giorni, il 46,66% in 30 giorni, il 91% 82% fino a 90 giorni e 99,57% fino a 180 giorni.

Gli stessi negozi che hanno un alto tasso di frode possono essere penalizzati se hanno eccessivi chargeback, in quanto le loro domande di affidamento potrebbero essere negate dalle banche o potrebbero vedersi esclusi da alcune carte di credito. Pensa quale perdita di immagine e di incassi che questo può generare.

Oltre a generare perdite per la società, la frode può soprattutto lasciare il consumatore alquanto insicuro, e spingerlo a non tornare ad acquistare in quel negozio.

Per tutto questo, è necessario che i proprietari di e-commerce si proteggano al massimo, sia per impedire che i dati vengano intercettati nelle loro transazioni, sia per garantire che l’ordine ricevuto sia legittimo e venga pagato correttamente. Leggi alcuni suggerimenti a tale proposito:

1. Avere un certificato di sicurezza

Tutti i siti dovrebbero essere sicuri, ma coloro che vendono su Internet e lavorano quotidianamente con transazioni bancarie e dati sensibili necessitano di un ulteriore livello di protezione. Puoi rendere il tuo sito ancora più sicuro utilizzando hosting affidabili e comprando un certificato di sicurezza SSL. ComCart offre a tutti i suoi clienti un SSL gratuito.

Con questo certificato appare un “lucchetto” accanto all’URL del sito per segnalare all’utente che sta navigando in una pagina protetta; inoltre tutti i dati in entrata e in uscita vengono crittografati, evitando eventuali intercettazioni.

2. Tieni monitorato il cliente e il suo modello di acquisto

Paolo è un tuo cliente fedele e una volta al mese fa acquisti sul tuo sito. Il suo ticket medio medio è in genere tra 150 e 200 euro. Ma un giorno ricevi una richiesta da Paolo di 9 mila euro, senza pagamento rateale o altro.

È un acquisto che supera di gran lunga il modello di acquisto di Paolo, non trovi? Potrebbe essere un acquisto reale, ma potrebbe anche trattarsi di una situazione in cui qualcuno abbia clonato la sua carta di credito e acquisti per suo conto.

Per sicurezza, quando ti rendi conto che un cliente abituale sta facendo un acquisto molto più alto del solito, analizza attentamente la situazione e accertati che sia stato veramente lui l’autore di quella richiesta.

3. Utilizzare un metodo di pagamento sicuro

L’utilizzo di uno strumento di pagamento sicuro può aiutare a evitare le frodi. PayPal è uno dei metodi di pagamento più sicuri disponibili e dispone di protezione antifrode per proteggere te e il tuo consumatore.

4. Investire in tecnologia

Esistono diversi sistemi antifrode sul mercato ed è una buona idea ricercare e investire in uno di essi. Un’altra opzione è l’uso di Big Data Analytics, che analizza il comportamento del consumatore e rileva gli acquisti fraudolenti in tempo reale, dando al rivenditore la possibilità di impedire l’approvazione dell’ordine e la spedizione della merce.

Il costo può essere leggermente superiore rispetto ad altre strategie, ma dconsiderando i danni che potrebbero derivare da una frode, è probabilmente una buona opzione.

5. Confermare, confermare, confermare

Anche se hai già ricevuto il pagamento, prima di spedire il prodotto usa tutti i mezzi possibili per avere conferma che l’ordine sia reale. Di solito in caso di frode solo la carta di credito è compromessa, non i contatti come e-mail e il telefono.

Quando si ha a che fare con un cliente abituale, prima controlla se ha cambiato i contatti nel suo account. Se non lo ha fatto, invia una e-mail di conferma, sms o chiamalo per confermare l’acquisto.

Sii consapevole che possono succedere frodi

Anche se il tuo sistema è sicuro e segui il consumatore per assicurarti che tutto sia corretto, non possiamo affermare che esiste un e-commerce che è a prova di frode.

Quindi è necessario prendere atto che le frodi esistono e potrebbero capitare anche a te. Comprendere questa realtà è molto importante in modo da poter creare un’analisi del rischio e un piano d’azione qualora ciò accada.

Leandro De Aguiar è Founder di ComCart, lavora con e-commerce dal 1998, ha portato grandi e piccole realtà online.

Startuper con grande esperienze, guida ComCart nelle scelte strategiche di tecnologia e business development.

REALIZZA IL TUO E-COMMERCE E VENDI ONLINE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *